Il WebBlog di ...

5 consigli per chi è ancora indeciso a pagare con carta o tramite smartphone

5 consigli per chi è ancora indeciso a pagare con carta o tramite smartphone
20 giugno 2018

Pagamenti con carta

Mentre la nuova Legge di Bilancio 2018 dispone lo stop dei pagamenti degli stipendi in contanti, carte e applicazioni specifiche sono praticamente all’ordine del giorno. Ricordiamo però un primo punto: mai il prezzo di un prodotto pagato con carta o app deve aumentare.

Qualora vi vedeste applicate delle commissioni, sappiate che questo è un comportamento illecito riconosciuto dal Codice del Consumo (capita, per esempio, nei punti vendita fisici tramite l’uso dei Pos quando i pagamenti sono di importo basso oppure online soprattutto nel settore delle agenzie di viaggi).

Occhi ben aperti e informazioni a tutto tondo, dunque, quando dovete scegliere i pagamenti elettronici che, in ogni caso, sono e restano i più sicuri e gli unici tracciabili.

Ecco 5 dritte che ci fornisce Altroconsumo:

1. Le carte sono più sicure del contante

Tenete solo conto del fatto, per esempio, che il contante rubato o smarrito è perso, mentre in caso di furto o smarrimento di una carta, è sempre possibile bloccarla tempestivamente.

2. Cosa fare in caso di furto o smarrimento

Ricordate di bloccare carta o smartphone e poi deporre denuncia per vedere limitata la propria responsabilità per gli utilizzi fraudolenti a un massimo di 50 euro e solo se gli utilizzi sono stati fatti prima del blocco. Dopo il blocco non vi può essere chiesto nulla.

3. Carte sempre accettate, a prescindere dall’importo

La carta deve essere sempre accettata se l’esercente è convenzionato, anche se ci sono i saldi o se l’importo da pagare è basso.

4. No alle commissioni aggiuntive

Non è possibile applicare commissioni aggiuntive al prezzo del bene o del servizio se pagate con una carta. È una pratica illecita a tutti gli effetti.

Può interessarti
Come alleviare rapidamente rabbia e stress

5. Le nuove app 

Esistono nuove app, come Satispay, per pagare “peer-to-peer” in negozio: con queste, i negozianti pagano commissioni di incasso molto basse, i clienti spesso hanno sconti su prodotti e servizi.

Source: greenme.it

Commenti