Il WebBlog di ...

Apple toglierà la pubblicità da Shazam

Apple toglierà la pubblicità da Shazam
27 settembre 2018

Apple dopo l’ok dell’Antitrust Ue ha chiuso l’operazione che ha portato all’acquisto di Shazam e a breve cancellerà la pubblicità dall’app

Apple ha ufficialmente completato l’acquisizione di Shazam per 400 milioni di dollari e per gli utenti dell’app sono in arrivo novità che saranno certamente gradite. L’Antitrust dell’Unione Europea ha confermato che l’operazione non mette a rischio la concorrenza del settore musicale in quanto il software acquistato e Apple Music non sono servizi complementari. L’azienda di Cupertino ha quindi potuto chiudere l’affare e oggi ha promesso che non solo Shazam rimarrà gratuito ma anche a breve scomparirà anche la pubblicità.

“Apple e Shazam hanno alle spalle una lunga storia insieme. Shazam è stata fra le prime app disponibili al momento del lancio del nostro App Store e si è affermata come una delle app preferite dagli appassionati di musica in tutto il mondo. – ha dichiarato Oliver Schusser, Vice President di Apple Music – In Apple condividiamo la stessa passione per il mondo musicale e l’innovazione, perciò non vediamo l’ora che i nostri team inizino a lavorare insieme per offrire ancora più modi di scoprire e ascoltare musica”. Senza pubblicità viene da chiedersi come il colosso fondato da Steve Jobs possa ottenere ricavi dal suo ultimo acquisto. La verità, come sottolinea la stessa multinazionale da mille miliardi di valore, è che il software in grado di riconoscere qualsiasi brano ha registrato più di 1 miliardo di download in tutto il mondo e viene utilizzato oltre 20 milioni di volte al giorno. Si tratta di una vera e propria miniera di informazioni sulle preferenze musicali degli utenti e metadati sui brani utili a migliorare l’offerta di Apple Music e iTunes. Shazam inoltre ha un enorme potenziale in campo pubblicitario, in quanto è in grado di rilevare anche messaggi nascosti all’interno degli spot.

Può interessarti
Innovazioni tecnologiche - scopri le 5 che rivoluzioneranno il 2018

Source: www.datamanager.it

Commenti