Il WebBlog di ...

I benefici delle emozioni negative

I benefici delle emozioni negative
12 maggio 2018

Forse vi starete chiedendo quali possano essere i benefici delle emozioni negative. Non tutto è come sembra: le emozioni non sono buone o cattive in assoluto, la valutazione dipende da molti fattori.

Pensiamo, ad esempio, alla paura. Tipicamente considerata un’emozione negativa è, allo stesso tempo, un meccanismo utile alla sopravvivenza. Grazie alla paura, siamo prudenti e ci teniamo alla larga dalle situazioni pericolose.

Le emozioni negative, con i loro benefici, ci permettono di crescere, diventare persone più complete.

 

Benefici delle emozioni negative: esistono?

Clyde DeSouza dice che “quando la mente riesce a liberarsi dalla contaminazione delle emozioni, la logica e la chiarezza emergono in modo sorprendente”. Questo significa che a essere obiettivi, possiamo trovare del buono in quasi tutto quello che siamo e che ci circonda, anche negli aspetti che consideriamo negativi.

Bisogna anche considerare che la società in cui viviamo classifica, ad esempio, la frustrazione e l’ansia come eventi decisamente negativi. L’amore, al contrario, è sempre positivo. A una riflessione più profonda, tuttavia, ci rendiamo conto che questa identificazione, pur nella sua logica, ha qualcosa di sbagliato; è, infatti, una “realtà soggettiva, dai contorni sfumati.

Viso che esprime emozioni negative

Pensiamo, come sostiene anche la psicologa e sessuologa Isabel Rovira, che l’emozione negativa è necessaria. Secondo la psicologa, possiamo raggiungere la pienezza e l’equilibrio mentale solo sperimentando tutto lo spettro emotivo. Per raggiungere uno sviluppo completo, in qualche modo, la nostra tavolozza deve contemplare tutte le emozioni. Non dimentichiamo, infatti, che sono le esperienze, sia positive che negative, a impartirci le lezioni che ci aiutano a crescere in modo più completo.

I benefici delle emozioni negative

Sì, i benefici delle emozioni negative esistono e sono molteplici, ma questo non significa che bisogna abusarne. Vale a dire, accettarle, ascoltarle e lasciarle “respirare” non è negativo; è molto meglio che incapsularle, negarle o reprimerle. È importante, però, impedire che assumano il controllo o finiscano per contaminare tutti i pensieri. Bisogna tendere verso l’equilibrio: è qui che, in genere, si trova la vera pienezza.

I benefici delle emozioni negative ci permettono di crescere e di conoscerci davvero.

 

Equilibrio emotivo

Come abbiamo detto, l’equilibrio emotivo e mentale si raggiunge solo sperimentando ogni tipo di emozione. Vivere in uno stato di costante ottimismo è sbagliato quanto vivere nell’eterna negatività.

Può interessarti
Smettere di rimuginare: 7 trucchi

Se vogliamo che il nostro equilibrio emotivo si ripercuota positivamente sul nostro benessere, dobbiamo lasciare affiorare anche le emozioni negative. Naturalmente ognuno di noi è un caso a sé e diverso; tuttavia, dobbiamo scegliere noi stessi il canale attraverso cui farle scorrere, e farlo in modo intelligente.

Fonte di esperienza e stimolo per migliorare le proprie capacità

Anche le emozioni a valenza negativa (non, quindi, negative) sono una potenziale fonte di ricchezza. Le vicende vissute ci offrono strumenti e conoscenza fruibili in futuro per affrontare ogni tipo di situazione avversa.

Anche dalla frustrazione e dalla situazione che l’ha generata è possibile ricavare preziosi insegnamenti su noi stessi e sulle persone che amiamo. Parliamo di quella conoscenza di sé necessaria alla propria intelligenza emotiva, indispensabile per scegliere bene il canale a cui abbiamo accennato prima.

“Capita così con le lezioni: c’è sempre da imparare, anche se non vogliamo”
-Cecelia Ahern-

Donna con l'ombrello

Migliore risoluzione dei conflitti

Le esperienze negative sono utili per scoprire nuove tecniche di risoluzione dei conflitti. Sapere, ad esempio, di essere facili all’ira o di avere uno scarso controllo su quanto si dice quando si è arrabbiati farà sì che, nel momento in cui questa emozione travolge, ci si conceda del tempo prima di esprimersi. In questo modo si facilita la risoluzione del conflitto. Ma questo avviene solo sviluppando l’intelligenza emotiva.

D’altra parte, molte volte è proprio la rabbia, questa forte emozione, a informarci che qualcuno ci sta ferendo. Questo qualcuno possono essere gli altri o noi stessi. In ogni caso, la rabbia ci avvisa che ci troviamo in una situazione che merita la nostra attenzione.

“La volontà è l’intenzione favorita dalle emozioni”
-Raheel Farooq-

La rabbia è un motore di pensieri analitici

Diversi studi hanno dimostrato che la rabbia è un ottimo spunto e catalizzatore per il pensiero analitico. Vale a dire, aiuta a distinguere in modo più razionale e obiettivo, purché non si esageri e si trasformi in ira, dall’effetto diametralmente opposto.

Può interessarti
Per essere felici dobbiamo fare spazio alle sorprese della vita

La paura aumenta l’attenzione

Come abbiamo detto all’inizio, la paura è uno strumento di allerta in presenza di un pericolo. Anche in questo caso, naturalmente, deve essere proporzionata e razionale.

Donna in preda alla paura nel bosco

Non tutto è come sembra e questo è valido anche nel campo delle emozioni, non siete d’accordo? Al giorno d’oggi molti guru offrono le loro teorie sulla positività. Tuttavia, non dobbiamo perdere la seguente prospettiva: se le cosiddette emozioni negative sono da sempre presenti nell’uomo, è perché in qualche modo ne favoriscono la sopravvivenza. È bene, dunque, concedere esse il giusto spazio, senza perdere il controllo, ma prestando esse ascolto.

 

Source: lamenteemeravigliosa.it

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Commenti