Il WebBlog di ...

Le migliori app per quando si cambia casa o città

Le migliori app per quando si cambia casa o città
22 gennaio 2018

L’anno è ormai iniziato e se tra i cambiamenti in atto c’è un cambio di città, magari grazie a un nuovo lavoro, è bene farsi trovare sul pezzo e lasciarsi aiutare da una serie di app, sia che si tratti di trovare nuovi amici e intraprendere nuove relazioni sociali, sia di trovare una nuova sistemazione.

Badi, la prima app di affitti di stanze non turistiche in appartamenti condivisi, ne ha raccolto una selezione.

Per fare nuove amicizie anche internazionali con Babbel

Quando si arriva in una nuova città può capitare di sentirsi un po’ soli. Per cui tra gli obiettivo principali da porsi ci può essere quello di aumentare le occasioni in cui è possibile conoscere nuove persone, magari ampliando le possibilità senza farsi ostacolare dal non parlare una stessa lingua. Babbel, disponibile sia sul web che su dispositivi mobile iOS e Android, con lezioni brevi e semplici, mette a disposizione ben 14 lingue. Non resta quindi che acquisire familiarità con la lingua desiderata: in questo modo ci si potrà sentire tranquilli e non impacciati una volta che si interagirà con qualcuno che non parla la propria lingua o semplicemente si farà bella figura anche con un collega internazionale.

Per sapere subito dove fare la spesa o trovare quello che si sta cercando con DoveConviene

Ambientarsi in una nuova zona e sapere dove acquistare ciò di cui si ha bisogno senza perdere tempo e denaro non è mai semplice. Cosa fare ad esempio quando arriva il momento di fare la spesa? O se dovesse mancare nella casa nuova qualche elettrodomestico o dovessero servire degli strumenti per fare un po’ di bricolage? Basta consultare DoveConviene che mostra le offerte di tutti i negozi vicino a casa e permette di trovare l’offerta ideale. A portata di app si possono trovare non solo le ultime offerte in tema di bricolage, tecnologia, iper e super ma anche tante altre categorie di prodotti.

Può interessarti
Instapaper si separa da Pinterest e torna ad essere un servizio indipendente

Per dividere da subito le spese senza problemi con Circle Pay

Se si vive con altre persone o si devono dividere le spese con qualcuno che ancora non si conosce bene è sempre meglio partire con il piede giusto. Raccogliere i soldi per l’acquisto di nuove decorazioni per la casa o restituire al coinquilino la quota della bolletta è veloce come inviare un messaggio in chat e non bisogna più impazzire con resti e spiccioli. Scaricando sul proprio smartphone Circle Pay (e facendolo scaricare ai propri coinquilini) inviare e ricevere denaro non è solo veloce, ma anche completamente gratuito. L’app, infatti, non prevede alcuna commissione.

Per trovare il coinquilino perfetto con Badi

Stare bene in una nuova città o migliorare la propria situazione abitativa è la prima condizione per sentire di essere finalmente nel posto giusto. Grazie a Badi diventa semplicissimo cercare la sistemazione e il coinquilino perfetto: l’app permette, infatti, di pubblicare o cercare stanze disponibili in appartamenti condivisi e di trovare coinquilini secondo età, gusti ed interessi. Sia che lo si voglia  festaiolo, pigro, chiaccherone, preciso, fumatore o possessore di animale domestico etc., così da poter mettere subito in chiaro le proprie abitudini e preferenze.

Lavare i capi evitando disastri con WashApp

L’elettrodomestico che desta più preoccupazioni è la lavatrice, le insidie sono dietro l’angolo. E poi si sa, solo la mamma è in grado di fare il bucato perfetto. Se si vive però non più con la propria famiglia c’è WashApp una lavatrice virtuale che aiuta a ridurre notevolmente il rischio di rovinare i propri capi. Suggerisce rimedi per eliminare le macchie più ostinate, interpreta i simboli sulle etichette e dà suggerimenti sul lavaggio di tessuti particolari.

Può interessarti
Se Tinder è l'app degli audaci, Lipsi è per gli incontri dei timidi 

Per muoversi agevolmente anche nel traffico con Waze

Se i mezzi non fanno al caso vostro, ma non volete rimanere imbottigliati nel traffico in preda a crisi di nervi alla continua ricerca di percorsi alternativi, Waze è quello che serve. Si tratta di una community in cui condividere informazioni in tempo reale riguardo alle condizioni stradali. Sarà possibile aiutarsi a vicenda con tutti gli automobilisti della propria zona per segnalare incidenti, pericoli, posti di blocco e altri eventi che si possono incontrare lungo il percorso.

Per sfruttare le serate e i migliori eventi con Vamos

Una delle migliori app per poter conoscere eventi glamour in città è Vamos. Questa app non solo propone tutti gli eventi della propria città, ma mette a disposizione anche informazioni più estese. Molto curata è la sezione che riguarda l’arte; sono illustrate tutte le mostre oppure i vernissage in programma!

Per apprezzare le attività culturali con Imapp

Se le mostre sono la vostra ossessione e vi piace essere sul pezzo Imapp supera i limiti dei sistemi di orientamento e degli strumenti interpretativi convenzionali quali guide e audioguide, offrendo un’esperienza più coinvolgente. E’ infatti possibile sapere esattamente dove ci si trova, orientarsi facilmente tra le sale e avere a disposizione contenuti multimediali personalizzati prima, durante e dopo la visita.

Per togliersi velocemente il pensiero della cena con Stin Jee

Se non si hanno idee chiare su che cosa cucinare o si è in cerca di spunti per la cena ci può essere una valido supporto da Stin Jee. L’App usa la geolocalizzazione per trovare ristoranti, bistrot, caffè, pub, fast food e locali da asporto che offrono promozioni per pranzo, cena o altre occasioni agli utenti che hanno scaricato l’app. Trovato il locale, dalla schermata principale si possono ottenere indicazioni su come raggiungere il posto tramite Google Maps, fare una telefonata per prenotare o visitare il sito web. Arrivati al posto che offre lo sconto, è sufficiente mostrare la schermata dello smartphone per ottenere la riduzione.

Può interessarti
E se il terreno di incontro tra genitori e figli fossero i videogiochi?

 

Source: www.datamanager.it

Commenti