Il WebBlog di ...

Magà: il personaggio che rinuncia alla magia per dedicarsi alle scoperte e alla scienza

Magà: il personaggio che rinuncia alla magia per dedicarsi alle scoperte e alla scienza
15 aprile 2019

Scopri l'offerta Easy Academy

Source: freedamedia.it

Il divario di genere nell’utilizzo e nella conoscenza delle nuove tecnologie è ancora molto presente e deriva prima di tutto da una serie di pregiudizi tradizionali e ben consolidati, secondo cui le bambine sarebbero più portate per certe materie di studio – solitamente “umanistiche” – e i bambini per altre – di regola quelle “scientifiche”. Questo tipo di differenza è dovuto, in parte, ad alcune abitudini sociali, come quella per cui ai bambini si regalano giochi “più difficili” e scientifici, mentre alle bambine si affidano bambole o si opta per micro simulazioni di elettrodomestici.

Questi atteggiamenti hanno generato una differenza notevole nel rapporto che uomini e donne hanno con la tecnologia. Stando ai dati – come abbiamo approfondito in un articolo – “sono moltissime le donne che, ancora oggi, non possiedono un cellulare e non sanno utilizzare internet, neanche nelle sue funzioni più elementari”. Per fortuna però, negli ultimi tempi sono nate diverse iniziative per colmare questo gap, a partire proprio da ciò che insegnamo ai bambini da piccoli. Tra queste, ci sono i laboratori del ristorante Magà, nati per offrire un’esperienza paritaria di tecnologia ai più piccoli.

 

Il programma di laboratori è pensato per le bambine e i bambini tra i 4 e gli 11 anni, e ha come obiettivo quello di avvicinarli alla cultura scientifica in modo originale e divertente. Magà – il personaggio che rinuncia alla magia per dedicarsi alle scoperte e alla scienza – è stato creato per catturare l’attenzione dei bambini e avvicinarli al mondo della scienza attraverso il racconto delle sue avventure. Un esempio? Nei laboratori previsti per questo aprile 2019 c’è Sfida le leggi di Newton!, un’occasione per scoprire il grande scienziato e le sue leggi – in particolare quella sulla viscosità. I bambini, accompagnati dalle Animaghe (animatrici esperte di scienza) giocheranno con i liquidi non newtoniani – ovvero quei fluidi la cui viscosità varia a seconda dello sforzo di taglio che viene applicato – come slime e magic sand, arrivando a costruire il loro slime personalizzato.

Può interessarti
Kathrine Switzer, prima donna a correre la Maratona di Boston, in gara 50 anni dopo

La domenica successiva, invece – il 28 aprile – sarà la volta di Robot Car! Un laboratorio per le appassionate e gli appassionati di meccanica, un appuntamento dove i bambini costruiranno automobiline elettriche partendo da zero. L’iniziativa vuole non solo offrire un’uguale esperienza a bambini e bambine, ma stimolare l’idea che la conoscenza e la scoperta possono passare attraverso il divertimento. Così facendo, i bambini – a prescindere dal genere – potranno sviluppare una stessa curiosità e interesse nei confronti della tecnologia.

Source: freedamedia.it

Scopri I servizi Master Blog

Commenti