Il WebBlog di ...

Nuove teorie sulla personalità

Nuove teorie sulla personalità
11 dicembre 2018

Durante il corso della storia molti autori hanno elaborato diverse teorie sulla personalità e su come si sviluppa. Di recente, un gruppo di ricercatori della Northwestern University di Evanston, Illinois, ha realizzato un’accurata analisi di dati per definire i diversi tipi di personalità, i cui risultati sfidano i paradigmi stabiliti in psicologia. Lo studio è stato diretto da Martin Gerlach.

Gli psicologi sociali si chiedono se esistono diversi tipi di personalità. Le caratteristiche sono poi un’altra questione. I tratti della personalità “possono essere misurati attraverso l’età, attraverso le culture”  ha detto Amaral, co-autore dello studio e professore di ingegneria chimica e biologia presso la Scuola di Ingegneria McCormick della Northwestern Univeristy.

I ricercatori hanno analizzato dati provenienti da più di 1,5 milioni di intervistati, riscontrando almeno quattro gruppi diversi di personalità: comune, riservato, egocentrico ed esemplare. I quattro tipi di personalità si basano su cinque tratti basilari: nevroticismo, estroversione, franchezza, gentilezza e coscienza. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature Human Behaviour.

Scopriamo nel dettaglio i tipi di personalità individuati.

Un concetto ancora controverso in psicologia

William Revell, professore di psicologia presso la Facoltà di Arti e Scienze di Weinberg e principale autore dello studio, spiega che “L’uomo ha tentato di classificare i tipi di personalità fin dai tempi di Ippocrate, ma la scuola scientifica ha scoperto che non ha senso”. I dati di questa nuova ricerca mostrano che “ci sono densità più alte di certi tipi di personalità”.

Tuttavia, lo stesso Revelle si è rivelato inizialmente scettico in merito alle premesse di questo studio. Il concetto di “tipi di personalità” continua a essere controverso in psicologia, specialmente perché sono varie le classificazioni che hanno ricevuto sostegno empirico. I precedenti tentativi portati avanti da piccoli gruppi di ricerca hanno prodotto risultati che spesso non erano replicabili.

Può interessarti
Il Gaslighting: una forma nascosta di abuso emotivo

“I tipi di personalità esistono soltanto all’interno dei libri di autoaiuto e non hanno mai trovato riscontro nelle pubblicazioni scientifiche” afferma Amaral. “Adesso crediamo che tutto questo cambierà grazie al nostro studio”.

Tipi di personalità: nuovo approccio

La recente ricerca parte da un approccio computazionale alternativo che combina i dati di quattro questionari che hanno coinvolto più i 1,5 intervistati in tutto il mondo: le due versioni dell’IPIP-NEO di John Johnson, il progetto myPersonality e il BBC Big Personality Test.

I questionari, usati per decenni dalla comunità di ricerca, comprendono dalle 44 alle 300 domande. Le persone rispondono volontariamente ai questionari online, attratti dall’opportunità di ricevere un feedback sulla propria personalità.

A partire da questo enorme insieme di dati, lo studio di ricercatori ha identificato i 5 tratti che vengono riscontrati più di frequente: nevroticismo, estroversione, apertura, gentilezza e coscienza. Dopo aver sviluppato alcuni algoritmi, sono emersi quattro gruppi o tipi di personalità:

  • Tipo comune. La gente comune presenta alti livelli di nevroticismo ed estroversione ed è poco aperta. Secondo i ricercatori, le donne sono più propense a questa tipologia.
  • Tipo riservato. Il tipo riservato è emotivamente stabile e poco nevrotico. Ne fanno parte persone non particolarmente estroverse ma comunque gentili.
  • Tipo esemplare. Le persone che rientrano in questa categoria hanno ottenuto un livello basso in nevroticismo e alto in tutti gli altri. Le probabilità che una persona diventi esemplare aumenta con l’avanzare dell’età. Secondo i ricercatori, si tratta di persone di fiducia e aperte a nuove idee, ottime per prendere il comando. È emerso anche che le donne hanno una maggior propensione ad appartenere a questo gruppo.
  • Tipo egocentrico. Le persone egocentriche presentano alti livelli di estroversione e meno propense in merito ad apertura, gentilezza e coscienza. I tipi egocentrici diminuiscono radicalmente con l’aumentare dell’età, sia per gli uomini che per le donne.
Può interessarti
Che cos’è il disturbo dissociativo dell’identità?

La personalità cambia nell’arco della vita

Gli studiosi spiegano che a mano a mano che le persone maturano, la loro personalità cambia. Per esempio, le persone anziane tendono a essere meno nevrotiche, sebbene più coscienti e piacevoli rispetto ai minori di 20 anni.

“Quando osserviamo gruppi di molte persone, è chiaro notare delle tendenze, e tali tendenze cambiano con il tempo” ha detto Amaral.

Source: lamenteemeravigliosa.it

Commenti