Il WebBlog di ...

Sindrome per eccesso di empatia

Sindrome per eccesso di empatia 11 gennaio 2018

La persona che presenta empatia in eccesso è come un’antenna a lungo raggio che assorbe e inghiotte ogni emozione che vibra nel suo ambiente. Lungi dal gestire un tale sovraccarico, finisce per perdersi nelle necessità altrui, avvelenandosi per eccessiva compassione fino al punto di sentirsi in colpa per il dolore che sperimentano gli altri. Poche sofferenze possono essere così estenuanti come quella causata da eccesso di empatia.

È possibile che vedere queste situazioni come un problema clinico possa sorprendere più di una persona. Stiamo forse esagerando nel momento in cui etichettiamo come “patologici” comportamenti (apparentemente) “normali”? Ovviamente no, e tutto ha una spiegazione. Se lo stesso Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V) lo etichetta come una caratteristica dei disturbi di personalità è per una ragione evidente.

Qualsiasi comportamento che ostacola il nostro modo di relazionarci, che ci dà dolore e incapacità di condurre una vita normale, necessita di una diagnosi e di una strategia terapeutica in grado di risolvere la situazione. Le persone che soffrono di un eccesso di empatia o “iper-empatia” e che mostrano un modello persistente di malessere e incapacità a livello sociale, personale e lavorativo, possono rientrare nella categoria dei soggetti con un disturbo della personalità.

Tutto questo ci porta a capire che “essere molto sensibili” e soffrire di una sindrome di “iper-empatia” non sono sinonii. Per esempio, nell’interessante libro “Women who love psychopaths: Inside the Relationship of Inevitable Harm with Psychopaths, Sociopaths and Narcissists” di Sandra L. Brown, c’è un aspetto che non può lasciare nessuno indifferente. Attraverso il lavoro di questa psichiatra si è potuto vedere che ci sono donne che possono comprendere il comportamento psicopatico dei loro partner e anche giustificarlo.

Può interessarti
Agrigento 'chiama' Gucci, "Pronta la Valle dei Templi"

Il loro eccesso di empatia le rende completamente incapaci di vedere con lucidità il predatore, assassino o aguzzino che si trovano di fronte. Il loro ingegno per giustificare gli atti di violenza del coniuge sono incredibilmente sofisticati. Un fatto che dimostra chiaramente che la “iper-empatia” è un discorso del quale non si parla molto, ma che bisogna considerare.

Due uomini con cervelli uniti a causa dell'eccesso di empatia

Empatia ed eccesso di empatia: il confine tra equilibrio e benessere

Forse in molti pensano che l’empatia sia una capacità positiva, utile e desiderabile… Che cosa ci sarebbe di male nel provare “molta empatia”? Come sempre nella vita gli eccessi non sono positivi e l’ideale è sempre l’equilibrio. Lo stesso avviene con questa dimensione in cui non dimenticarci mai di discriminare il “proprio sé” dall’”io” degli altri. In altre parole, alla famosa frase “L’empatia è la capacità di mettersi nei panni di chi abbiamo davanti” dovremmo aggiungere “senza mai dimenticare di essere noi stessi”.

È anche importante ricordare che tipo di empatia possiamo arrivare a sperimentare, qual è sana e quale può portarci al confine in cui, inevitabilmente, sorge un malessere.

  • Empatia affettiva o “Sento quello che senti tu”. In questo caso l’empatia affettiva riguarda la nostra capacità di provare emozioni, sensazioni e sentimenti vissuti da qualcun altro… E provare compassione per questa persona.
  • Empatia cognitiva o “Capisco quello che ti sta succedendo”. L’empatia cognitiva, dal canto suo, è piuttosto un’abilità. Essa ci permette di avere una conoscenza più completa e precisa sui contenuti della mente di chi abbiamo davanti a noi. Sappiamo che cosa prova e lo capiamo.
  • L’eccesso di empatia o “iper-empatia” è una sorta di specchio e una spugna. Non solo proviamo quello che provano gli altri, ma lo soffriamo noi stessi ed è un dolore fisico e che ci assoggetta alle necessità altrui, senza essere in grado di distinguere questo confine tra noi e gli altri.
Può interessarti
Genitori: 5 consigli per dire “no” ai vostri figli

Mani che raccolgono persone dall'acqua, come simbolo dell'eccesso di empatia

Com’è la persona che soffre di un eccesso di empatia o “iper-empatia”?

Descrivere la persona che soffre della sindrome di iper-empatia o empatia eccessiva ci aiuterà in diversi sensi. In primo luogo nel distinguere la semplice “sensibilità emotiva” e la “iper-sensibilità” patologica. Vedremo anche che il DSM-V identifica i seguenti comportamenti come tipici di chi soffre di tale disturbo:

  • Evidente deterioramento della propria identità e delle abilità sociali.
  • È comune che compaiano altri disturbi in cui sono presenti la compulsione o lo psicoticismo.
  • È consuetudine che la persona sperimenti molti sbalzi d’umore e può andare dalla depressione più profonda a una felicità istrionica o eccessiva.
  • Sono pazienti molto dipendenti. Vogliono risolvere tutti i problemi degli altri per rafforzare l’immagine di sé che vogliono proiettare di persone valide e necessarie, hanno bisogno di continua interazione e convalidano sé stessi facendo favori o addirittura promuovendoli loro stessi. Se qualcuno cerca di porre dei limiti, si sentono feriti, rifiutati e molto infelici.
  • È inoltre comune che le persone con “iper-empatia” siano decisamente iperprotettive e che minaccino l’autonomia altrui.
  • L’eccesso di empatia le porta ad avere gravi difficoltà in quanto a essere produttivi nel loro lavoro. Si sentono discriminati, nessuno capisce il loro altruismo, il loro bisogno di dare supporto, di aiutare…
  • Ultimo, ma non meno importante, vediamo spesso pazienti che passano dall’eccesso di empatia al risentimento. Sono state tante le delusioni subite che finiscono per isolarsi, persi nei loro sentimenti di rabbia e delusione.

Uomo di spalle

Cosa possiamo fare se soffriamo di eccesso di empatia?

A questo punto, è probabile che molti di noi si chiedano perché. Quali sono le cause che portano una persona a sperimentare tanta sofferenza nel farsi contagiare dalle emozioni altrui? Ebbene, in questi ultimi anni stiamo facendo grandi progressi sulla questione, e di fatto stiamo conoscendo le basi genetiche e neurochimiche che possono favorire tale condizione.

Può interessarti
Traumi infantili: 5 caratteristiche

I cosiddetti “disturbi dello spettro dell’empatia” ci stanno dando molte informazioni rispetto a realtà quali la sindrome di Asperger, la sindrome da “iper-empatia” o il disturbo di personalità borderline. È certamente un argomento interessante che darà grandi risposte e migliori approcci terapeutici nei prossimi anni.

D’altra parte, alla domanda su cosa dobbiamo fare se soffriamo di eccesso di empatia, la risposta non potrebbe essere più semplice: chiedere aiuto professionale. Sia se ci troviamo nell’estremo più patologico sia che soffriamo semplicemente di “iper-sensibilità” è sempre appropriato apprendere alcune tecniche per impostare i limiti, avere un maggiore auto-controllo sui nostri pensieri, coltivare i nostri bisogni e definire con più forza l’identità e l’autostima.

Non possiamo dimenticare che l’eccessiva empatia non solo crea malessere, ma ci separa da noi stessi e dal mondo stesso. Non vale la pena di ancorare noi stessi in un tale ambito di vuoti e tormenti persistenti. Andiamo oltre…

Source: lamenteemeravigliosa.it

Commenti