Il WebBlog di ...

Il ricordo è soggettivo

Il ricordo è soggettivo
11 gennaio 2019

Il ricordo è soggettivo

 

 

Esiste uno stretto rapporto tra memoria e affettività.

La memoria è la capacità di apprendere, di conservare e di rendere poi attuali gli stati psicologici passati, riconosciuti come eventi legati a circostanze esterne, dalle rappresentazioni, frutto di creazioni della nostra mente. Inoltre la memoria colloca i ricordi in successione cronologica. Quindi ordina i ricordi seguendo il filo del tempo e dell’affetto.

Un’azione che si è specificata con l’evoluzione completamente diversa dalle azioni automatiche quali sono le abitudini, è un’azione di resoconto.

Un resoconto ispirato da un’ intenzione affettiva che organizza i fatti seguendo un filo temporale arricchito della parte emozionale. Ecco perché quando si ricordano eventi vissuti da più persone assistiamo a ricostruzioni diverse frutto di impressioni soggettive. Del resto ognuno fa suo il ricordo e lo farcisce delle sue emozioni dandone una dimensione nuova e personale.

Maura Luperto

 

Può interessarti
La bontà, senza azioni, non serve a niente
Commenti