Il WebBlog di ...

Orgasmo e cervello: risposta cerebrale

Orgasmo e cervello: risposta cerebrale
12 marzo 2018

Il sistema nervoso, e il cervello come parte centrale dello stesso, è essenziale al punto che senza non potremmo vivere. Allo stesso modo, ha un ruolo da protagonista nella culminazione dell’atto sessuale. Ma che succede esattamente nel nostro cervello durante l’orgasmo? Ci sono delle differenze tra la donna e l’uomo nell’intensità del piacere?

Nella fase di stimolazione sessuale e fisica, e nel momento del climax, si attivano numerose aree e strutture cerebrali. Esse, venendo bombardate da stimoli nervosi procedenti dalla zona genitale, stimolano il sistema di ricompensa del cervello e sono le responsabili dell’orgasmo.

Donna provando un orgasmo

Fasi della risposta sessuale umana

Secondo i modelli di Masters e Johnson, la risposta sessuale delle persone può essere divisa in quattro fasi ben distinte:

  • Eccitazione: è il momento in cui avviene la vasocongestione genitale. Ovvero, è l’inizio della risposta sessuale propriamente detta. In questa fase, avviene l’erezione, la lubrificazione e l’elevazione del pene nell’uomo. Nelle donne, avviene la lubrificazione e l’ingrossamento del clitoride.
  • Plateau: avviene soltanto se si prosegue con la stimolazione. In questa fase, nell’uomo si verifica un ulteriore incremento del pene e dei testicoli. Il ritmo cardiaco accelera, la temperatura corporea aumenta, la respirazione è più rapida e i muscoli si tendono. Nella donna, si produce una maggiore vasocongestione, una riduzione del diametro esterno della vagina e un aumento del clitoride. I cambiamenti fisiologici sono simili a quelli dell’uomo.
  • Orgasmo: è il momento di massima attività fisiologica generale e di una grande quantità di sensazioni soggettive d’immenso piacere. L’uomo sperimenta contrazioni nello sfintere anale, la ghiandola prostatica e i muscoli del pene. Eiaculazione ed espulsione del seme compresa, l’orgasmo normalmente dura tra i 3 e i 10 secondi. Nelle donne, avvengono contrazioni ritmiche nella vagina, nell’utero, nei muscoli pelvici e nell’ano. Il suo orgasmo può durare fino ai 20 secondi.
  • Risoluzione: è il ritorno ai livelli fisiologici di base. Si produce il cosiddetto periodo refrattario dell’uomo, durante il quale è impossibile raggiungere un altro orgasmo.
Può interessarti
La respirazione profonda: un semplice modo per vivere meglio

Il sistema nervoso, il cervello e l’orgasmo

Nonostante tutte le reazioni fisiologiche descritte, l’organo che detiene il controllo assoluto sulla presenza o assenza di orgasmo è il cervello. Insieme al suo fedele compagno, il sistema nervoso. Senza l’invio degli impulsi nervosi alla spina dorsale e al cervello, gli orgasmi non esisterebbero. Vediamo più da vicino come si comporta il cervello durante l’orgasmo.

Terminazioni nervose coinvolte

Nell’area genitale esiste un’enorme quantità di nervi i quali inviano informazioni al cervello relative a ciò che la persona sta sperimentando. Ognuna di queste terminazioni produce diversi effetti. Soltanto nel clitoride ci sono più di 8.000 terminazioni nervose! Allora, immaginate la montagna di sensazioni che può arrivare a provare una donna e la quantità di processi che avvengono nel cervello durante l’orgasmo!

Questi nervi dei genitali comunicano con altri più lunghi che, a loro volta, trasmettono l’informazione alla spina dorsale. Da lì, al midollo spinale e, lungo il tratto ascendente, arrivano fino al cervello. I nervi che hanno un maggior protagonismo in questo trasferimento nervoso sono:

  • Ileoipogastrico: invia segnali dall’utero nelle donne e dalla prostata negli uomini.
  • Pudendo: genera segnali nervosi che nascono dal clitoride nelle donne e nello scroto (pene) negli uomini.
  • Vago: trasmette dal collo dell’utero, l’utero e la vagina.

Cervello di stelle

Il circuito cerebrale del piacere

Quando comincia l’eccitazione, il cervello inizia a inviare sangue agli organi sessuali. È un riflesso della stimolazione sessuale, fisica e psicologica attraverso la mediazione del ramo parasimpatico del sistema nervoso. Per questo motivo, è necessario che la persona sia rilassata.

A poco a poco, la frequenza cardiaca e respiratoria aumentano in entrambi i sessi. In questo caso, già nella fase del plateau c’è un predominio dell’attività simpatica, la quale produce cambiamenti fisiologici importanti e similari in donne e uomini.

Può interessarti
Il silenzio dosato: una forma di manipolazione

Parallelamente, come abbiamo visto, le terminazioni nervose delle zone genitali e di altre parti del corpo inviano segnali al circuito cerebrale del piacere. Conosciuto anche come sistema di ricompensa, questo meccanismo è incaricato di catalogare un comportamento come piacevole o motivante. Se si produce una stimolazione continua, si attivano diverse strutture cerebrali di questo sistema.

Alcune di queste sono l’amigdala (regolazione delle emozioni), il nucleus accumbens (liberazione della dopamina), il cervelletto (controllo delle funzioni muscolari) e l’ipofisi o ghiandola pituitaria (liberazione delle endorfine o ossitocina).

Attivazione di altre aree cerebrali

Per mezzo di uno scanner gli studiosi hanno osservato come agiscono determinate aree del cervello durante l’orgasmo, oltre al sistema di ricompensa. Grazie a queste ricerche, lunghe più di 30 anni, si è scoperto che l’attività cerebrale è molto simile in entrambi i sessi e che non esistono differenze significative nella risposta sessuale.

Così, in entrambi i casi, si produce un’inibizione della corteccia orbitofrontale laterale, la parte del cervello incaricata dei processi della ragione e del controllo. In questo modo, il cervello durante l’orgasmo spegne completamente la zona.

Ma nella donna si bloccano diverse aree cerebrali che nell’uomo rimangono attive. Questo potrebbe spiegare la differenza nella durata dell’intensità di piacere massimo tra i due sessi. Nelle donne, si attiva anche la sostanza grigia periacqueduttale, che attiva la risposta di difesa o fuga. Viene stimolata anche la corteccia cerebrale, coinvolta nella percezione del dolore, che potrebbe suggerire una relazione esistente tra questa sensazione e il piacere.

Dall’altra parte, lo studio di Holstege ha scoperto la zona esatta del cervello che controlla l’orgasmo. Si tratta del tegmento pontino ventrolaterale, nel tronco encefalico. La ricerca conclude affermando che esso sia il responsabile dell’eiaculazione e dell’orgasmo, senza differenza tra i sessi. Interessante, vero?

Source: lamenteemeravigliosa.it

Può interessarti
Il coraggio ci rende più grandi della paura
Commenti