Il WebBlog di ...

Un bel 5… e “Senza” Stelle!

Un bel 5… e “Senza” Stelle!
2 marzo 2019

Un bel 5… e “Senza” Stelle!

(A cura di Murizio Sarlo)

– Maurizio Sarlo –

Ai Signori in Parlamento e soprattutto a quelli al Governo del Paese: un bel 5… e “Senza” Stelle!

Dopo nemmeno un anno, il Voto degli Italiani (anche se solo amministrativo) inizia a cambiare: adesso, la maggioranza degli Elettori si avvia a votare in massa per la Lega di Salvini!
Evviva la coerenza (Sic!). Quando inizieremo a smetterla di premiare politici che parlano alla pancia della Gente?

Quando la smetteremo di premierei ipocriti di cui ci si accorge del vero volto solo dopo qualche anno?

Dovremmo tutti aver ben presente i vari Prodi (che ha svenduto la Lira di tutti all’Euro delle Lobby europee), Berlusconi (grandissimo, ma solo per occupare con i suoi yes man tutte le aziende del
Cosiddetto Para-Stato e “occupare” i Comuni Italiani di zone artigianali e semi-industriali di Capannoni che avrebbero dovuto servire a creare lavoro!!!), Mario Monti (colpevole di uno sconquasso economico senza precedenti), Renzi (che premia pochi con 80 euro e ne toglie oltre 300 a tutti, in conseguenza dell’aumento di ogni cosa), Di Maio (che di euro ne propone 1.650 prima delle elezioni, poi passa a 750, ma solo a chi non rifiuta “un lavoro da schiavo”) e adesso Salvini (che siccome non può fare nulla di economico, rispetto quello che ha promesso in campagna elettorale, si tuffa su proposte che tanto premiano il desiderio di vendetta degli Esseri dis-Umani: vedi incitare a “sparare” al ladro, invece che dare più mezzi, strumenti, formare e pagare di più le Forze dell’Ordine)!

I drammi si stanno abbattendo sempre di più su oltre 20 milioni di Italiani.

Eh si, mi si dice che me la prendo con i politici. Si! Me la prendo, perché ho l’Italia e gli Italiani nel cuore e perché qualcuno deve pur dire la verità anzi tempo, o no? Ci vuole pur qualcuno che sappia andare con coraggio contro corrente, o no?

Sono anche sempre disponibile ad entrare nei particolari, per far comprendere bene quale posizione sarebbe più giusta.

Leggiamo assieme, quindi, gli esempi delle azioni del vertice M5S e Lega (degli altri che cercano di rimettere assieme dei cocci decrepiti è fin troppo da lasciar perdere).

Per il vertice M5Stelle i principi e gli enunciati, che li hanno portati al Governo, sono i seguenti:

“Uno vale uno”: ah si, dico io?e come mai Casaleggio e Di Maio valgono tutto? Ma poi, dice il PVU: Aldo Moro vale uno? Nelson Mandela vale uno? John e Bob Kennedy valgono uno?
Che razza di principio saggio è quello che “uno vale uno”? Noi diciamo che “Uno vale tutto”. Ma che quel tutto deve essere evidenziato”!
“…due legislature e dopo, il parlamentare e l’Eletto nelle file
Parlamentari, dovrebbe andare a casa”: beh dai, adesso che tocca a loro mica si possono smentire! O no? Ma siamo seri: Personalità spiccate come Aldo Moro, Mandela, Kennedy, Etc, non li terreste in Parlamento finché rimangono in vita?

“Noi siamo gli onesti! Mai un nostro eletto che sia indagato potrà stare al suo posto!”: invece, appena hanno avuto un indagato a casacca M5S è cambiata la musica! Meglio mettersi le cuffie per non sentirle, queste stonature!

“Mai alleanze con i partiti” (non parliamo di quello che dicevano contro la Lega): beh, giustamente, appena scatta la buona poltrona, meglio dimenticare la coerenza, no?

“Aboliamo le Province”: erano l’unica istituzione locale che sarebbe valso tenere. Perché conoscono bene il loro territorio e, con la modernità tecnologica, sopperirebbero al campanilismo di ogni Campanile e al grande centro di costo e doppione dello Stato Centrale che sono le Regioni.

Può interessarti
Saggia creatività e coerenza!

“Tutto in streaming”: sparito lo streaming!

“Noi per la democrazia della rete”: democrazia della rete? Ma se appena uno entra nel sito 5stelle per fare una critica viene bannato! Non prima, ovviamente, di averlo colpito con decine e decine di migliaia di insulti (ma che sicuramente sono lanciati dai classici fake pagati e moltiplicati ad hoc da abile regia occulta).

“Stipendi dei Parlamentari e le restituzioni vanno rendicontato”: appena li scoprono che non sanno nemmeno controllare dei bonifici fanno sparire tutta la rendicontazione, così ora chiunque può tenere tranquillamente tutto lo stipendio;

“Vogliamo la sovranità monetaria”!!!: poi appena vanno in Parlamento di sovranità monetaria non ne parla più nessuno! A parte sparare qualche pirlata comunicativa che indica di “combattere contro il sistema bancario”… Sic!

“Grillo diceva: Vogliamo vedere scientificamente cosa ci sia dentro i vaccini e chiediamo la libertà di scelta”: peccato che appena al ministero hanno votato l’esatto contrario e, addirittura, propongono Leggi per togliere la patria potestà ai genitori che si rifiutano di far vaccinare i loro figli senza precise garanzie! Che vergogna infame!

“Qualsiasi carica nel M5S sarà elettiva”: presidente non eletto, segretario non eletto, tesoriere non eletto, membri del direttorio non eletti, portavoce non eletti, responsabili comunicazione non eletti.

“Candidati scelti dalla base”: è durata finché quelli scelti dalla base sono andati bene alla dirigenza, dopodiché sostituiti d’ufficio;

“Mai in televisione”: è durata finché non ha fatto comodo andare in televisione (ma sempre e solo quando possono andare senza contraddittorio, altrimenti non sanno ribattere);

“Esame di Diritto Costituzionale per tutte le cariche elettive”: pensate a Io-Io Di Maio, al Fico o al Toninelli spingersi ad un esame del genere?

“Rotazione dei capigruppo in Parlamento”: sparita;

“Fuori dall’Euro”: come? No dai, dentro l’Euro, assolutamente (una parlamentare dice anche: “non so cosa voterei a un referendum sull’argomento”). Dire di uscire dall’euro è assurdo, significa non comprendere che, in poche settimane, le private lobby europee potrebbero far mancare le materie prime all’Italia. Sarebbe un vero disastro.

“Mai schiavi dell’Europa! Se lo paghino loro il debito fasullo”: peccato che sapendo di poter andare al Governo, siano poi andati a “rassicurare i mercati”, dicendo ovunque che avrebbero rispettato tutti gli impegni presi dai Trattati Europei, come quello di Lisbona! Pazzesco!

“Siamo ultimi nella classifica della libertà di stampa”: poi tifano per le purghe ai giornalisti sgraditi;

“I ministri li sceglie il Presidente della Repubblica”: il Presidente dice di no a uno fra molti e loro minacciano l’impeachment (senza sapere neppure cosa sia né che in Italia non esiste);

“Mai più governi non eletti”: quando mai i governi vengono eletti? Si eleggono i Parlamenti. Saranno questi ultimi a proporre al Capo dello Stato un ventaglio di nomi per fare un Presidente del Consiglio ed un suo Governo;

“Mai più alleanze post elettorali fra partiti che si presentano divisi e poi fanno inciuci” (dai…loro la chiamano “alleanza”): vanno da soli, poi “inciuciano” con la Lega; ma dai: quello è un contratto!

“Fuori i partiti dalla RAI!” – RAI interamente occupata insieme alla Lega senza lasciare manco un usciere alle opposizioni;

“No al TAV”: TAV? Vedrete che dopo le Europee ci metteremo a ridere a crepapelle!

“No al TAP”: TAP confermato;

“Niente più fondi alle scuole private”: fondi alle scuole private confermati;

“Niente F35 acquistati”: acquisto degli F35 confermato;

Può interessarti
Stop agli Ordini Professionali!!!

“Mai più condoni”: fanno il condono fiscale e pure il condono edilizio;

“Reddito di Cittadinanza a tutti e per ben 1650 euro al mese”: questo è stato detto soprattutto al Sud. Salvo poi smentirlo a porta a porta due giorni dopo il risultato elettorale! Senza contare la vergogna per la presa per i fondelli di quegli Italiani che andranno a richiederlo davvero, a causa di vincoli che renderanno tale misura inservibile! Non contesto la misura in generale, anzi! Contesto l’ipocrisia di chi ha promosso questa misura mediante “finanziamento a debito pubblico”, perché doveva sapere bene quanto indebiti il Paese e lo costringa a mettere poveri contro poveri! Noi, invece, chiediamo il cambio di paradigma e di dare il diritto di dignità con emissione a credito, mediante una moneta parallela a quella ufficiale, quindi, senza indebitare nessuno e creando in tal Mondo un circolo virtuoso.

……..

Per il vertice LEGA, i principi e gli enunciati che li hanno portati al Governo sono i seguenti:

“Flat Tax per tutti al 15%”: una misura proposta ben sapendo che, nell’attuale paradigma economico e sociale, questa misura è impossibile da praticarsi, senza generare ancora più danni. Hanno quindi optato per un contentino alle Partite IVA delle micro imprese. Ma questa soluzione non porterà alcun beneficio concreto, perché rimane una misura parziale e quindi “inghiottita” dal sistema (oramai marcio).

“Quota 100 come smacco alla Legge Fornero”: beh anche questa misura si sta dimostrando un palliativo di proclama inevaso; un palliativo che accontenta pochissimi e porta in pericolo l’intero sistema pensionistico!

“Stranieri a casa propria”: eh si! A dirlo ottieni grandi consensi, perché la gente ignora le vere cause di questo fenomeno. Questo proclama porta voti e soprattutto distoglie le attenzioni dai veri problemi in campo. Noi del Programma PVU affrontiamo tale fenomeno della immigrazione incontrollata con una politica totalmente innovativa: le popolazioni povere dei Paesi in via di sviluppo vanno aiutate a casa loro. Politiche che ci
costerebbero molto meno di quello che ci costa oggi fare ciò che facciamo.

“Roma ladrona”: ma come? Quelli della Lega a Roma ci stanno fin dal 1994! Poi, si è visto: anche loro sono incappati in condanne passate in giudicato!

“Evviva il Vesuvio che fa disastri
e…facciamo un bel muro dopo Firenze”: eh già, grazie a Dio, ora, Napoli e tutto il SUD (onesto…) sono “amici di Salvini”!

“Fuori dall’Euro e fuori dall’Europa”: beh dai, appena hanno visto i sondaggi prima del voto di Marzo 2018, Salvini è corso nei salotti che contano dell’Europa a raccontare fedeltà al debito pubblico “Italiota” (pardon, Italiano) ed al fatto che “esso sarà rispettato”!

“Galera dura a chi ruba”: beh dai, non certo a chi lo fa portando via 40 milioni di euro dalle casse della Lega (che sappia troppe cose?)… Senza contare di quanto ci costa la galera in termini generali. Da misura di rieducazione, il carcere è oramai una sorta di “università del crimine”. Chi esce dal sistema carcerario Italiano non può che peggiorare. Un circolo negativo che porta sempre più negatività.

“Chi entra in casa da ladro e io gli sparo, nella prossima vita cambierà mestiere”, dice Salvini: questa è la misura sulla sicurezza che fa tanti applausi e permette a Salvini di mascherare tutte le misure che non riuscirà a portare a termine. E gli Italiani continueranno a esultare (per un po’).
Noi del PVU diciamo invece che serve investire sulla prevenzione, investendo molto di più su mezzi e stipendi per le Forze Armate (che invece si lasciano sempre più nella medesima disperazione di chi è portato a delinquere).

Ecco spiegato perché non smetterò mai di “inchiodare” alle proprie ipocrisie, chiunque si macchi di principi anti democratici ed esclusivamente rivolti alla propria poltrona.

Può interessarti
26 gennaio 2017 - Allinea Tour di Bologna - Intervista a Maurizio Sarlo

Ma non dimentico nemmeno tutti quei movimenti e partitini che escono, guarda caso, solo qualche mese prima di un periodo elettorale. Vedi Forza Nuova, Casa Pound…con smaccati elementi di vertice filo “imperialisti”. Movimenti che promuovono caos nelle piazze, andando a urlare slogan inneggianti alla “sovranità” ma chiaramente interessati a fare “spaccate varie”, in modo tale da allontanare le Masse impaurite proprio da quei temi! Il “giochino” furbastro di alcuni Burattinai che infiltrano e premiano qualche fiancheggiatore ben istruito e titolato a “capeggiare la rivolta”. Riflettiamoci bene: avete mai visto Forza Nuova e Casa Pound fuori da una tornata elettorale? Dove trovano le firme ed i denari per fare tutto questo? Mah… Attenzione, con tale mia insinuazione non voglio scagliarmi contro la base degli Elettori di tali Partiti e Movimenti; a loro arrivano le pulsioni e frustrazioni che il sistema complessivo ben comporta.

Care Amiche ed Amici, la Politica, quella con la P maiuscola, quella promossa da Statisti come Aldo Moro, Kennedy, Mandela Etc., è l’unica soluzione da ricercare per non finire definitivamente nel burrone della drammatica realtà che già vivono oltre 20 milioni di Italiani.

D’ora in poi, però, in Italia, e per un Mondo Migliore, c’è un Partito democratico, socialista (ma quello vero, quello “filo Gesù”) e coerente, fin dal suo DNA, ovvero dal programma.

Un Partito, il PVU, che ha ripreso il suddetto programma lanciato dal “minuscolo” comitato associativo denominato COEMM; un programma che lancia un Nuovo Umanesimo e promuove un totale cambio di paradigma! Ove tutte le infrastrutture e i servizi strategici siano resi gratuitamente alla collettività!Oggi davvero possibilissimo, basta la moneta parallela a credito e sedersi al nostro tavolo di confronto con pari dignità.

Il PVU sa bene che ci vorrà tempo per convincere la maggioranza degli Italiani.
Sa bene di non dover andare in Piazza e di non proclamare “rivoluzioni” inneggianti alle solite ghigliottine (azioni perdenti). Tutte azioni deleterie.

Il PVU è un Partito nato dalla gente comune, da quella per bene; nato per tanta altra gente comune e per bene ma che, per ora, ignora le vere cause di cicliche crisi e povertà .

Un Partito, il PVU, con un programma che negli ultimi tre anni ha iniziato ad essere copiato negli slogan, ma non nei contenuti!

Un Partito, il PVU, che vuole portare i suoi contenuti valoriali in Parlamento. Attenzione: non chiediamo di esserci Noi del PVU, chiediamo che tutti gli altri vengano a cercarci e a sedersi al tavolo di una corretto e dignitoso confronto. Nel caso non lo volessero fare pubblicamente, beh, allora si sappia fin d’ora saremo “la goccia che scava ogni roccia”!

PVU, pensaci tu!

https://corrierequotidiano.it/politica/i-destini-incrociati-di-formigoni-e-alemanno-i-veri-simboli-del-fallimento-della-seconda-repubblica/?fbclid=IwAR3QUeSoeEwW7q9fldntElqSoFTtdKW5jTA-YM1knRCvvKrlEBICIQtXSEM

Maurizio Sarlo
Segretario Politico del PVU

Partito Valore Umano

Commenti